std autoimp grottammare 15

III edizione Ecoforum rifiuti Calabria: ecco i “Comuni ricicloni 2020”


Su 404 comuni calabresi, solo 89 hanno superato il 65 % di raccolta differenziata nel 2019. Spiccano, però, 19 eccellenze calabresi che compongono la classifica dei comuni calabresi “rifiuti free”: la provincia di Cosenza con 14 comuni virtuosi; segue la provincia di Catanzaro con 3 comuni e poi quella di Vibo Valentia con due comuni. Nessun comune, invece, per le province di Crotone e Reggio Calabria. 

Questi i principali dati presenti nel Dossier redatto da Legambiente Calabria, in collaborazione con l’Ufficio nazionale Comuni Ricicloni di Legambiente, presentato oggi nel corso dell’Ecoforum regionale sui rifiuti “L’economia circolare del futuro in Calabria: dalla teoria alla pratica”, che si è tenuto su piattaforma online e in diretta sulla pagina facebook dell’associazione ambientalista, e a cui hanno partecipato diversi relatori appartenenti sia al mondo istituzionale che a quello delle imprese e dell’associazionismo. I dati utilizzati quest’anno sono stati quelli forniti da Arpacal. 

«La Calabria possibile – ha spiegato in apertura la presidente di Legambiente Calabria, Anna Parretta–  passa attraverso il sentiero obbligato tracciato dall’Unione Europea: i fondi comunitari, che costituiscono una grande opportunità, dovranno essere destinati alla crescita intelligente ed all’economia verde. Anche il Recovery Fund, il piano di investimento storico della UE con un dotazione di 750 miliardi di cui circa 209 miliardi destinati all’Italia stabilisce che gli obiettivi del Green Deal sono una delle priorità del piano di ripresa destinando circa il 37% delle risorse finanziarie indirizzate in azioni di lotta al cambiamento climatico e per l’economia circolare».

«Il problema rifiuti in Calabria – ha concluso Parretta – é un’emergenza  perenne nelle cui pieghe spesso si infiltra la criminalità organizzata  può essere risolta solo attraverso il passaggio da un modello lineare ad un modello di economia circolare: riduzione dei rifiuti alla fonte, raccolta differenziata, riciclo e riuso.  I rifiuti da problema possono trasformarsi in una preziosa risorsa, generando anche possibilità occupazionali. A tale scopo serve realizzare impianti della filiera del riciclo con le migliori tecnologie disponibili La Calabria è ad un punto di svolta: cerchiamo per una volta di andare nella direzione giusta».

Le conclusioni del forum sono state affidate al presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani: «La Calabria diventerà una regione davvero europea – ha spiegato – se estenderà la raccolta differenziata domiciliare in tutti i comuni inadempienti a partire dai capoluoghi e se realizzerà in ogni provincia impianti industriali per riciclare i rifiuti, a partire da quelli che producono biometano e compost di qualità dall’organico differenziata. Serve anche una legge regionale sul modello dell’Emilia Romagna per far pagare ai comuni un’ecotassa in discarica in base alla produzione procapite di rifiuti indifferenziati a smaltimento e alle utenze domestiche o produttive secondo quanti rifiuti producono con il sistema della tariffazione puntuale. Queste sono le sfide che la prossima amministrazione regionale dovrà vincere. Noi saremo vigili nel denunciare inadempienze e attivi nel fare proposte concrete come nella tradizione della nostra associazione».

PRIMA SESSIONE: IL SISTEMA CALABRIA

Sono intervenuti al forum, Giuseppe Zanardiprogettista impianti diCalabra Maceriche nel suo intervento ha parlato del successo ottenuto con l’avvio della start up Waste to Methane Srl che nel 2018 ha portato a termine la progettazione e realizzazione del primo biodigestore in Italia per la produzione di biometano per autotrazione. A seguire, il direttore generale di Unirima, Francesco Sicilia. Unirima è l’Unione nazionale imprese recupero e riciclo maceri, che oltre a spiegare la mission dell’associazione di categoria, ha anche illustrato i punti salienti delle proposte che Unirima ha presentato per il Recovery fund. Paola Gazzoloex assessore all’ambiente per la Regione Emilia Romagna, è stata la promotrice della prima legge regionale in Italia sull’economia circolare ed ha esposto ai partecipanti come è nata l’idea e quali strumenti mette a disposizione la legge. 

Al direttore generale dell’Arpacal, Domenico Pappaterra, il compito di spiegare le principali difficoltà nel reperire dai comuni i dati necessari per il monitoraggio dei territori. Nel corso del forum è stato infatti evidenziato che spesso i dati Arpacal non coincidono con quelli Ispra. «Il 30% dei comuni calabresi– ha spiegato Pappaterra – continua a non fornire i datie questo impedisce di monitorare la concreta produzione dei rifiuti sul territorio regionale. Nonostante i diversi solleciti, 127 comuni della Calabria non hanno trasmesso i dati ufficiali. La pandemia COVID-19 che ha colpito il mondo nel 2020 potrebbe essere una giustificante se non fosse che questo trend di mancata collaborazione è pressoché costante ormai da diversi anni».

È stata poi la volta dell’assessore all’ambiente Sergio De Caprioche ha evidenziato il lavoro fatto in tema di economia circolare ed ha ringraziato Legambiente per le battaglie portate avanti negli anni con caparbietà e convinzione, con riferimento, in particolare, al contrasto degli illeciti ambientali. 

Il responsabile area progetti territoriali speciali Conai, Fabio Costarella ha illustrato le performance dei vari comuni ed ha presentato l’accordo sottoscritto nello scorso mese di novembre con la Regione Calabria per potenziare lo sviluppo e l’avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio su tutto il territorio. 

SECONDA SESSIONE: BUONE PRATICHE 

Spazio anche alle buone pratiche di economia circolare con la testimonianza di aziende, cooperative e semplici cittadini. La sessione è stata coordinata dalla responsabile nazionale di Comuni ricicloni di Legambiente Laura Brambilla che ha presentato le diverse realtà presenti sul territorio calabrese: «Questa edizione – ha detto la Brambilla – ha visto la partecipazione di cooperative, aziende ed anche giovanissimi calabresi che in un’ottica di sostenibilità stanno portando avanti tradizioni familiari ed importanti progetti in difesa del territorio. Storie e racconti che ogni anno inseriamo nel nostro Dossier come diario di viaggio per valorizzare le tante eccellenze calabresi». 

Sono intervenuti Maria Teresa Celebre, responsabile comunicazione Calabra Maceri e servizi spa; Alessio Di Addezio, Coordinatore progetto ECCO-Economie Circolari di COmunità, promosso da Legambiente e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Il progetto ha visto nascere 15 hub in 13 regioni italiane con l’obiettivo di sviluppare filiere green formando ai green jobs anche i soggetti più fragili; Vincenzo Linarello, presidente GOEL-Gruppo Cooperativo, comunità di persone, imprese e co- operative sociali che opera per il cambiamento ed il riscatto della Calabria, e che ha recentemente siglato un protocollo con Legambiente; Maria Angela Costantino, Agriturismo Costantino che porta avanti la tradizione agricola; Rocco Vitaliano, giovane artigiano e stilista che ha realizzato tappeti e borse con materiali di riciclo ed il sapone utilizzando l’olio esausto ed estratti naturali.

TERZA SESSIONE: DOSSIER COMUNI RICILONI

L’ultima sessione, dedicata alla presentazione del “Dossier Comuni ricicloni” è stato invece introdotto dalla direttrice di Legambiente Calabria Caterina Cristofaro:«La particolarità delle 19 eccellenze calabresi – ha spiegato– è che non solo rientrano nei parametri stabiliti dalla legge per la raccolta differenziata, ma e soprattutto sono comuni in cui ogni cittadino produce al massimo 75 chili di secco residuo all’anno, ovvero di rifiuti indifferenziati avviati allo smaltimento. Fare una raccolta differenziata di qualità significa soprattutto ridurre al massimo il secco, non basta solo raggiungere una percentuale alta di raccolta differenziata. E’ necessario avviare i giusti controlli, monitorare i propri cittadini nel conferimento corretto dei rifiuti, perchè tutti dobbiamo fare la nostra parte per far funzionare  la macchina ecologica Calabria».

Hanno preso parte Annalisa Lazzari amministratore delegato Eurosintex s.r.l., la prima azienda in Italia a produrre contenitori per la raccolta differenziata in materie plastiche riciclate e rigenerate; Angelo Catapano, sindaco del comune di Frascineto; Domenico Cavallaro, assessore all’ambiente del comune di Catanzaro e Giovanni Greco, sindaco del comune di Castrolibero.

Map of municipalities of Calabria   Italy scaled

SCARICA IL DOSSIER COMPLETO


Tutte le news